Archive

Posts Tagged ‘viaggio’
07 Jul

Esperienza unica di un viaggio… tout court Terra Santa!

“Esperienza unica!” E’ stato questo il malinconico ritornello che affollava i 29 posti del bus che dall’aereoporto di Orio al Serio ha riportato a Brescia lo scorso 3 giugno giovani studenti e non, della sede bresciana dell’Università Cattolica. Tra i fortunati c’ero anch’io: campano di nascita ma bresciano di “universitaria adozione”.

Il leitmotiv di questo fantastico “viaggio-ricerca”, che, oltre ai numerosi gadget, spezie e pashmine acquistate nel Suk di Gerusalemme, ha portato alla luce soprattutto quell’io troppe volte perso nella realtà per lasciar spazio ad una frettolosa razionalità quotidiana.

Una tappa, quella della Terra Santa, per certi versi attesa da tutti, dove le aspettative che documentari, foto e i mille racconti di sempre hanno lasciato presto spazio ad una realtà tanto difficile quanto affascinante. Read more…

15 Jun

Renault Very Good Trip è Iniziato: tifiamo ITALIA

Questo articolo è stato sponsorizzato ma mantengo la mia libertà di espressione.

Vi ricordate di Renault Very Good Trip? la Renault ha promosso per quest’estate un gioco/reality, in cui dei team di due persone per ogni nazione partecipante devono viaggiare per l’Europa, soddisfare delle prove, divertirsi, incontrare persone, fare sacrifici umani, tutto a bordo di una fiammante renault. Ovviamente, chi vince si tiene la macchina.. Senza contare l’esperienza di un mese di vacanza pagato!

E infatti l’invito che vi faccio, insieme a quelli dell’organizèscion è di andare sul sito di very good trip e di guardare che stanno combinando i nostri eroi!  Per l’Italia già è successo il fattaccio: una delle due  ragazze che dovevano partecipare al gioco non si è presentata, e così è stata sostituita da un’altra coppia. Ora abbiamo altri due scoppiati: Gianni e Angelo, faccia simpatica e molto spirito… ovviamente i cugini francesi sono la squadra che sopporto meno !

Dobbiamo assolutamente supportare e tifare per gli italiani, e specialmente quando ci sono i mondiali di calcio in ballo divento patriottico (altro che figlio di Bossi!); pertanto diamo uno schiaffo morale a tutti quegli europei e facciamogli vedere che la nostra nazione si stringe attorno ai suoi rappresentanti!

sintesi dei programmi giornalieri VGT

Ma come funziona la sfida? ogni settimana dovranno attraversare un paese europeo, e dovranno superare prove culturali, sportive e ludiche. Ma il voto finale, come in ogni reality che si rispetti, è dato dagli spettatori/utenti, che tramite il loro sito potranno votare la coppia che ci è piaciuta di più! In ogni momento, gli internauti voteranno e faranno guadagnare dei punti alle loro squadre preferite. Questo di sicuro farà salire la suspense ! Alla fine della settimana, la squadra che avrà più punti verrà omaggiata con un delizioso Momento VIP. Al contrario l’ultima squadra avrà un pegno da pagare ! E se la squadra perde una prova, avrà il proprio punteggio bloccato per 24 h (ossia, nessun punteggio accumulabile!).

Non mi resta che consigliarvi caldamente di diventare fan di Very Good Trip su facebook e … l’anno prossimo (se si fa) ci proviamo anche noi!

18 Aug

la UAAR parlerebbe uguale se a viaggiare Alitalia fosse Chirac?

ho letto il bellissimo gonzissimo articolo della sedicente “cronaca laica” di kataweb, un blog allineato sulla linea di questa fantomatica unione degli atei; un’associazione che non ha nessuno scopo, se non l’odio per una religione.

Personalmente ritengo che il Papa, oltre ad essere una figura spirituale (allineato su scelte che potranno far discutere, ma non più di quelle di tanti politici italiani), è anche un leader politico. Non dimentichiamo che, in virtù dei trattati Lateranensi di Mussolini e Craxi, alla Città del Vaticano è riconosciuta la sovranità proprio nella figura del Papa. Per quanto questa cosa non può piacere a tanti italiani che hanno problemi col prete, non è forse lo stesso tipo di astio che coinvolge i nostri cugini francesi (specialmente se si parla di calcio)? Insomma, voi fareste pagare un viaggio ad un capo di stato estero? Uno qualsiasi? Non penso: la diplomazia è l’unica arma che cambia i confini senza mietere vittime; e l’Italia deve semmai vantarsi di offrire ospitalità ad un leader religioso di tale caratura.

E poi, sono convinto che “nessuno da niente per senza niente” e che “senza denari non si cantano messe”; quindi il Papa il viaggio l’ha pagato. Se non fosse così, non mi scandalizzerei affatto.

Non so come fanno questi UAARiani ad inveire così tanto contro i cattolici. Ora chiedono il conto al Papa; strano che non si scandalizzano per il figlio di Mastella che va allo stadio con l’aereo di Stato, per il cantante Apicella che vola con Berlusconi, e manco per la D’Addario (che ha volato col biglietto pagato dal suo caro amico Tarantino – gira e gira chi li caccia sti soldi?).

Lo so che è difficile da digerire ma c’è ancora una buona fetta di Italia che è cattolica e condivide le parole del Papa. Chi non lo vuole ascoltare deve semplicemente cambiare canale, o cambiare giornale, cambiare radio, e cambiare professori a scuola. Nessuno è obbligato. Lo fanno anche gli immigrati che vengono qui da noi. Il punto è che chi viene educato con i valori della chiesa, sviluppa anche un imponente senso critico che prima o poi lo porta a pensare sul suo comportamento, sulla morale, e su ciò che accade intorno a lui. Tale senso critico non può derivare da un’educazione completamente obiettiva. Un mio amico un giorno si lamentava del crocifisso in classe, e io gli feci notare che proprio perchè lui si stava lamentando egli aveva fatto la sua scelta; non c’era bisogno di vietarlo per spingere la gente a scegliere (o a pensarci su).

Io penso che l’UAAR ce l’abbia con qualche prete che s’è fatto la moglie di qualche loro membro.. Pazienza… sono esseri umani… come voi! :-)

24 Apr

urbis et orbis roma

domani mattina mi sono regalato (in occasione di arditi festeggiamenti) una vacanza a Roma. Sono sicuro che per una volta mi piacerà, visto che me la girerò come dico io – ossia con la guida in mano. Se il wireless ci aiuta, posterò un pò dal telefonino. Non avete idea dello sforzo di scrivere dal nokia e66! Buonanotte..

Categories: nda' micizia Tags: ,
29 Oct

VIA!

….continua dal post precedente :p

Si parte! Ecco il momento della valigia, poi il momento dell’aereoporto, poi il momento della nottata, poi arrivano gli altri, poi si prende un’aereo con gli occhi sfatti dal sonno, poi si arriva a Sevilla e si spera di riuscire a ricordarsi mezza parola… ma sì…

Ecco, finalmente rifarò le foto che l’anno scorso non sono riuscito a fare.

Finalmente posso togliermi lo sfizio di comprare alcune cose che ho visto lì e non ho mai più visto in giro; me le segno qui: freccette, cubo di rubik, nakkere, e qualcuno, non riesco a ricordare chi, mi ha chiesto le calamite per il frigo.

Qualcun’altro mi ha chiesto la cartolina (pregasi commentare il post precedente)

Se ci riesco, vi faccio vedere la foto più bella, ogni giorno.. (non dovrei avere manco il pc…)

15 Oct

despues un viaje

Sono appena tornato dalla Calabria, insieme al mio fido compagno di guerre Alessio – stavolta nel ruolo di coopilota, anche se non ha mai guidato lui.

E’ stato un  weekend abbastanza alcolico: amaro del capo sabato sera, festa della birra (beh… chiamiamola così… era Peroni!) domenica con concerto di Eugenio Bennato, e domenica pomeriggio ritorno a casa.

Ho incontrato qualche vecchia amicizia che si è confermata sempre sincera e poi ho visto la mia casa al mare: RAGAZZI URGE ORGANIZZARE QUALCOSA LÌ !!!!!  chi è tanto pazzo da farsi 400 km per un poker? con mare annesso?

p.s. eventuali speculazioni filosofiche sul senso del viaggio le trovate tra i vari post di questo blog…