Archive

Posts Tagged ‘tunisia’
15 Sep

tunis air

un po’ di foto della tunisia non fanno mai male a nessuno!!!
[attenzione: durante l'importazione si sono perse le foto. pazienza.]
Categories: personale Tags: , ,
01 Sep

di ritorno from MONASTIR (tunisia)

carissimi amici,
sono tornato dalla tunisia dove ho trascorso una bellissima settimana rilassante, in compagnia della mia ragazza. Vi farò un paio di analisi a diversi livelli.
Dal punto di vista turistico, la tunisia è ok. Gli alberghi sono grandi e funzionali, e quelli a 4 stelle funzionano veramente bene (anche se assomigliano alle nostre 3 stelle). Noi abbiamo alloggiato in un albergo a 4 stelle con sistemazione ALL INCLUSIVE, vuol dire che potevamo mangiare e bere quello che volevamo GRATIS, compreso alcolici, gelati, crepes e tutto quello che volevamo nel ristorante self service. Avevamo libero accesso alla piscina e alla spiaggia e a vari servizi tipo palestra, ping pong, minigolf o pallavvolo. Non sono riuscito ad usufruire di tutti i servizi per mancanza di tempo! L’ unica nota di demerito riguarda il cibo, infatti il mangiare fa pietà e la pasta è una cosa oscena, insomma la diarrea è inevitabile.
Dal punto di vista del viaggiatore, la tunisia è un paese molto più occidentalizzato di quanto pensassi. Le donne non indossano burka o altra roba bensì sono emancipate e lavorano in settori importanti e delicati. La pillola anticoncezionale è gratuita dal 1981 e varie altre riforme fanno della tunisia un paese benestante, per il loro reddito. Infatti, la vita costa pochissimo, leggevo da qualche parte che il guadagno medio tunisino (reddito procapite) è di circa 2000 euro all’anno, cioè quasi nulla rispetto a noi. un animatore guadagnava 300 euro al mese !!! che ci fai con 300 euro in italia?
Dal punto di vista psicologico, devo ammettere che mi sono fatto un po’ intimidire dal posto. Sarà per il particolare momento storico che stiamo vivendo, dove sembra che tutte queste persone vogliano soltanto esplodere vicino agli occidentali, io certe volte mi sono sentito poco a mio agio, specialmente quando sono capitato in alcuni vicoletti solo insieme alla mia ragazza, e poi tunisini dappertutto. Ci sentivamo un po’ a rischio, anche perchè l’aria che si respira lì sembra quella del peggior vicolo di Napoli.
Comunque, c’è da dire anche che di fronte a certi monumenti veramente belli, tipo il mausoleo del presidente oppure il castello di monastir, ho sentito il peso di essere occidentale, nel senso che ho riconosciuto i miei limiti e i miei pregiudizi e ho iniziato a demolirli. Alla fine in tunisia, come scommetto in ogni altro paese africano o asiatico che sia, c’è una grande cultura, forse meno conosciuta e meno turistica ma veramente molto, molto bella. Non dimentichiamoci che durante il medioevo, mentre in italia ci si chiudeva dentro i monasteri a copiare le bibbie, in africa e in asia i matematici dimostravano teoremi e aggiungevano nuovi mattoni alla conoscenza. La loro presenza artistica si è avvertita in diverse aree europee (sicilia, spagna) e non ha mai impoverito l’arte preesistente: anzi, si è fusa con essa per creare una nuova forma, un nuovo modo di esprimere concetti attraverso architettura, musica, pittura, scultura.
Ora vi lascio,
torno a studiare.
Michele