Archive

Posts Tagged ‘tecnologia’
22 Oct

Se il futuro del Paese fosse legato ad Internet

Ogni volta che accendo la televisione sentiamo sempre di fabbriche che chiudono, posti di lavoro che si perdono, proteste, scioperi e manifestazioni. “Il lavoro, il lavoro!” Gridano i manifestanti, GIUSTAMENTE, ma ciò che chiedono ormai appartiene a un’altra epoca.

Il futuro dell’Italia non è nelle automobili. Un settore che richiede continui aiuti statali, in un momento storico in cui una auto costa decisamente troppo, disfarsi della vecchia costa altrettanto e soprattutto chiunque ha già un’auto, non capisco come si possa continuare a riporre tanta fiducia in questo settore. Andava bene 30-40 anni fa, in una Italia post bellica che produceva il bene del futuro. E ora?

La maggiore economia del mondo basa tutto il suo successo sull’altissima tecnologia. Le 4 maggiori compagnie americane, conosciute in tutto il mondo, sono Apple, IBM, Google e Microsoft. Senza i loro servizi probabilmente ora staremmo ancora vivendo di zappe e cavolfiori.

Le aziende americane nascono da subito come multinazionali, e se anche prima offrivano servizi legati all’hardware, oggi sono tutte orientate verso il Web. Internet (frase fatta) ti permette di vendere i tuoi servizi a tutto il mondo, già dal Giorno Zero della messa online… questo l’hanno capito bene tutti quelli che si sono inventati le “nuove professioni”, e paradossalmente non l’hanno capito i nostri padri (sfortuna vuole che ci governino loro).

Ora, noi abbiamo questo enorme gap tecnico con gli Stati Uniti e anzi da soli non potremmo mai competere con loro. Le tasse e la burocrazia schiaccerebbero ogni idea brillante, e poi vuoi metterti contro il vero limite dell’Italia? Ma voi lo sapete qual è il vero limite ? Internet mobile fa schifo! Se io dovessi fare un’app che basa tutto il suo business sull’idea che l’utente è sempre connesso, mi ritroverei a combattere col fatto che in alcune zone d’Italia non c’è manco la rete GSM! Con un segnale che casca non appena entriamo in un edificio. Che soldi voglio ricavarci da una linea così?

Dunque se vogliamo provare a seguire la strada tracciata dai grandi player del mercato, dobbiamo un pò scrollarci di dosso l’idea che lo stato deve aiutare le aziende perchè l’unico aiuto utile è di migliorare le infrastrutture, abbassare le tasse e metterci in condizione di essere competitivi COL MONDO INTERO. You can’t think local anymore.

E ora via per una nuova settimana di lavoro!

19 Apr

Lista delle cose da comprare per aumentare leggermente la qualità della vita

  • un impianto stereo (magari con bluetooth): 200 €
  • una motocicletta (con relativa assicurazione e patente): 2500 + 1000 + 250 €
  • un nuovo computer (ultra sottile): 1200 €
  • un tablet (qualcosa di figo come il transformer, che diventa anche un netbook) anche per leggere i libri:  600 €
  • un autoradio (bluetooth):  100 €
  • stampante (wireless): 100 €

5950 €. Mi sa che inizio dall’autoradio :)

28 Sep

Il futuro del GPS è nelle nostre dita!

Garmin GPS riderview
il GPS sta per sbarcare direttamente sotto le nostre mani. Scomparirà il vecchio caro display? e la vocina? No, resteranno entrambi, ma il supporto tattile migliorerà l’esperienza della navigazione guidata.

Vi è mai capitato che per parcheggiare in un posto che non conoscete abbassate il volume dell’autoradio? il motivo è molto semplice, ossia il nostro cervello non riesce ad elaborare gli input che provengono dallo stesso canale e a elaborarli come dovrebbe. Per questo, guardare la strada e seguire un navigatore satellitare GPS sembra facile, ma basta una semplice conversazione in auto per rendere tutto più complesso: diventa difficile ricordarci di svoltare o prendere una decisione rapidamente. In pratica, il cervello fa “crash” perchè più stimoli vengono da vista e udito.

Possiamo usare i tre sensi rimasti per dare indicazioni stradali? Aggiungere uno stimolatore sulla lingua per farci capire cosa dobbiamo fare sembra abbastanza schifoso, questo per quanto riguarda il gusto. Mentre per l’olfatto io non userei gli odori per indicare cosa dobbiamo fare, può imbarazzare chi c’è in macchina :-) . Allora si sono inventati il GPS tattile, ossia qualcosa che si applica direttamente allo sterzo e che, stimolando la punta delle dita, fa capire cosa fare e dove andare. I primi studi dicono che funziona meglio rispetto a un navigatore tradizionale. Inoltre le industrie già sono al lavoro per implementarlo, mica dinderendini: il futuro dei navigatori sembra essere questo, insomma.

E io che ripenso al mio primo navigatore, un Tom Tom caricato sul Nokia 6630… erano 7 anni fa che il navigatore diventò un servizio “mainstream”!

P.s. da qualche tempo non li uso più… preferisco le care vecchie mappe digitali! da buono scout, arrivo sempre dove devo arrivare…

23 Nov

LG e il campionato di scrittura SMS

questo articolo è sponsorizzato ma ho la piena facoltà di scrivere ciò che penso.

——

Quante volte avrete visto qualcuno scrivere sms a una velocità impressionabile? Vi siete mai chiesti se in questo mondo, in cui esistono campionati per ogni tipo di cosa, ce ne fosse uno per gli sms?

LG ha organizzato il primo campionato italiano di sms, per mettere alla prova tutti i pollicioni adolescenziali e non solo nell’ardua sfida di scrivere SMS nel minor tempo possibile – senza errori, chiaramente.

LG negli ultimi mesi ha prodotto i primi telefonini dedicati ai giovanissimi con tastiera Qwerty (ossia, la tastiera simile a quella del pc). Anche il mio telefonino ha la tastiera QWERTY, e devo dire che la scrittura dei messaggi è notevolmente semplificata: si scrive a una velocità pazzesca. Il problema è quando bisogna scrivere le cose con una mano, ma se avete solo una mano disponibile probabilmente state guidando – ed è illegale.

LG_logo

La sfida ha avuto inizio il 31 ottobre dal Centro Italia, coinvolge 60 punti vendita delle catene Euronics, Mediaworld, Saturn e Unieuro,e si concluderà con la finalissima di Milano il 10 dicembre, un evento serale con ospiti VIP d’eccezione.

Inutile dire che chi vince si aggiudica un bel viaggio in Tunisia (che è splendida), oppure un televisore LG full-HD da 47″, oppure un sistema home theathre LG blu-ray. E’ più bello quando si vince qualcosa!!!

Purtroppo però sul sito della manifestazione sta scritto che le date della campania sono già passate (erano tutte dal 7 all’8 novembre 2009).  Anzi, sembra che alla data attuale siano già saltate tutte le gare italiane. Restano solo le evenutali semifinali e la finalissima..

Se volete “vederne di più”, sulla destra c’è un video esemplificativo di come si svolgono questi campionati..

E ora via, allenatevi  con il vostro mini-campionato fatto in casa!

13 Jul

Troppa isteria per l’iFon.

iFon

Mi è giunta questa mail da un lettore inventato che vuole restare anonimo:

Da qualche giorno è uscito l’iFon e tutti ne parlano. Strano. L’ho comprato anche io. Per soli 600 € mi hanno dato il bellissmo Phon che vedete in figura, guardate che stile curato, e che bella mela morsicata azzurra che fa pendant con il beije (qualcuno direbbe che col beije ci sta bene tutto, no?!). Il vero problema è l’iShampoo. purtroppo ha un costo molto elevato e tutti i principali negozi dicono che il prezzo è imposto dall’alto e non possono farci niente. Cioè, io tengo l’iPhon ma non posso farmi l’iShampoo, quindi non posso sfruttarlo per come è stato creato!

E pensare che sono calvo!

l’iPhone non è tanto diverso

Passiamo al vero motivo per cui stiamo parlando dell’iPhone. Da qualche giorno, come avrete saputo, c’è stato il lancio mondiale del gioiellino. Ne hanno parlato tutti, anche troppo, e hanno discusso anche di quanta acqua consuma. Il problema “italiano” è che l’iPhone è un telefonino che sta sempre collegato a internet, e in Italia non esistono tariffe per avere il telefono sempre connesso. Per questo gli utenti sono in rivolta e vorrebbero tariffe più basse. Aspè. C’è qualcosa che non torna.

Molte famiglie italiane si lamentano che non riescono ad arrivare alla 4a settimana. Li capisco, anch’io. Quindi non penso che spenderò soldi in apparecchietti di 199 €, che mi costa 30 € al mese senza chiamate – versione base.

Eppure ieri abbiamo visto quanti soldi la Apple è riuscita a pagare a giornali, telegiornali e siti web per far parlare di se anche su spazi NON pubblicitari. Sono rimasto indignato vedendo un servizio di 3 minuti di pura pubblicità sull’iPhone. Ma come si può?

Read more…

18 Feb

Foz Do Iguaçu: Brasile, Paraguay, Argentina

Che il Brasile fosse uno stato immenso e grande s’era capito. Ma che nell’incrocio dei suoi confini, tra Paraguay e Argentina, ci fosse la più grande cascata d’acqua del mondo, stentavo a crederlo.

La giornata è iniziata il giorno prima (?), che abbiamo preso un autobus da cornelio per Foz. Dormire in autobus non è il massimo, ma non c’è molta alternativa. Se mi ricordo, stanotte che vado a San Paolo scatto una foto al sediolino e ve lo faccio vedere …. così capirete perchè è meglio dei pullman italiani ma… non è un letto.

Read more…