Da dove vengono i domini .tk? E perchè sono gratis?

Aside

Atollo di Atafu, TokelauDa quando ilparticolarenascosto.it ha fatto la sua comparsa sul web, il sottoscritto s’è dovuto fare una cultura di leggi, regolamenti, prezzi e hosting, prima di capire come fare a mettere su un sito web _decente_. Eppure notavo che, in giro per il web, c’erano siti amatorialissimi con dominio .tk: di quale nazione facevano parte? Turchia? Turkmenistan? e soprattutto, perchè costano così poco tanto da essere usati da chi non ha soldi da spendere?

La prima notizia è che il dominio .tk viene dalle isole Tokelau. Una breve panoramica di questo staterello è quantomai necessaria. Innanzitutto, non è uno Stato. E’ una colonia Neo Zelandese, conta circa 1500 abitanti, è composta da 3 atolli (cerchi di sabbia in mezzo all’oceano sconfinato) e non ha capitale, non ha aereoporto, non ha porto, insomma per arrivarci bisogna… prendere una barca e pedalare, circa 36 ore! Non male nascere laggiù! Per chi volesse vederle in Google Maps può tranquillamente cliccare sul link precedente. Curiosità: nel 2006 hanno votato per l’indipendenza dalla Nuova Zelanda, ma il referendum non ha ottenuto il 66% dei SI (si è ancorato a 60%) e dunque continuano a essere un territorio extra-nazionale. Gli aventi diritto al voto erano 600, ma per poter effettuare le votazioni (sorvegliate anche dall’ONU) ci sono voluti 3 giorni, per potersi spostare (ovviamente)  in barca da un’isola all’altra. D’altronde, la Nuova Zelanda fornisce ai Tokelaunesi tutto ciò che serve: sussidi per far funzionare le scuole, i servizi sanitari, spese pubbliche e giudiziarie, cittadinanza, senza chiedere nulla in cambio (non che si possa pretendere molto da 1500 persone).

Seconda sorpresa: i domini .tk sono gratis e si possono registrare facilmente e comodamente da qui: Dot TK. Il dominio sarà gratis, però bisogna avere almeno 25 visite ogni 90 giorni; se non si raggiunge questo numero minimo di visite, vi sono due strade: o lo si lascia scadere, oppure lo si può comprare. Infatti il nome di dominio gratuito non è di proprietà del registrante, ma è di proprietà della Dot TK, che può decidere di farci quel che vuole (quindi se sono link a spam ve li cancellerà). Acquistandoli, invece, sono di vostra proprietà e potete farne ciò che volete voi (nessuno vi romperà le scatole).

Dunque la strada che intraprendono tutti i webmaster con zero euro è: aprirsi uno spazio web gratuito (il più gettonato, in Italia, è AlterVista) e poi usare i nomi di dominio .tk per creare un link più simpatico. Il problema è che così si beccano due pubblicità: la prima è quella di AlterVista, la seconda è di DotTK (in particolare, DotTK usa Adsense).

Curiosità numero due:Il turismo non è molto sviluppato (a causa dei problemi di trasporto), le attività che vanno per la maggiore sono pesca e agricoltura. Ma il 10% del PIL di Tokelau si basa su questa registrazione dei domini internet.. Possiamo dire che Google mantiene in vita tre atolli nel Pacifico! E allora, cari amici, che ne dite di provare a cliccare sul prossimo link? Ovviamente vi porta al più bel blog dell’universo

articoli consigliati per quest’estate (visto che starò fuori un bel pò tra esami e vacanze)

Aside

Renato Zero: “non sono gay” – hahaha questa per me è la notizia dell’anno!

Diatriba d’amore contro un iPhone svendutoDiatriba d’amore contro un iPhone svenduto II – complimenti all’autore che ha svelato un retroscena poco conosciuto di chi vende gli iPhone. Se ti posso dare un consiglio, compratelo su eBay. Altrimenti ci sono cellulari con Android, o tra qualche mese escono i nuovi Blackberry che promettono scintille…

Intervista a Umberto Bossi – non è un tipo di molte parole, e risponde sempre alla stessa maniera. E la gente lo vota!

MONDADORI INDIGESTA, MA NON TROPPO, PER BERLUSCONI – il solito abuso ad personam.

I LITFIBA SCATENANO LA RABBIA DI ASSESSORE PDL IN SICILIA – l’articolo 21 afferma che “tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.” Tra l’altro mi chiedo, da un po’ di tempo a questa parte, come mai non ci sono artisti di destra che promuovano il papi e sparino a zero sui comunisti.

Un uomo lotta contro le onde giganti! – non fatelo, ma l’immagine è bella.

Se un giorno arrivasse un’astronave, saremmo in grado di rilevarla? – Non vi do la risposta, però vi svelerò che di UFO fin’ora nessuna traccia. Sorpresi? Ah, e Babbo Natale non esiste. Sorpresi ancora? siete un caso clinico.

9000 fotogrammi al secondo, e un lampo non passa più in un lampo. Diventa magia – questo lungo video è il risultato di quanto accaduto in un attimo.

Le lettere sulle tastiere sono disposte davvero in modo da rallentare la scrittura? – tra l’altro io penso che le lettere sulla tastiera siano disposte in modo da avere sotto i polpastrelli le lettere più frequenti, ossia le vocali e poi le lettere “bestseller” tipo s, t, p, l … lettere sfigate come q, z e altre sono difficili da raggiungere. Certo è che la tastiera QWERTY così com’è non è proprio il massimo dell’efficienza, ma ormai ce la dobbiamo tenere perchè siamo abituati così. E’ come chiedere ai britannici di cambiare il senso di guida. Sai che casino per i prossimi 50 anni? e che costo ha il cambiamento?

Da dove viene la tempesta perfetta di presunta sfortuna del venerdì 13?– leggendo l’articolo ne traggo una conclusione: se sei donna, stai a casa

La politica degli stracci, da Famiglia Cristiana. La pensa come la penso io. E tu come la pensi?

spiare qualcuno che prega

Aside

In Italia da oggi è possibile spiare i “preganti”, grazie al servizio offerto dal grande fratello.

Come molti di voi avranno saputo, il grande fratello di quest’anno durerà 5 mesi (che tortura). Inoltre, è entrata una donna trans – ma ormai i trans vanno di moda, quindi è già superato. Ciò che è realmente bleeding-edge (sulla cresta dell’onda) è il giovanotto che afferma di non fare sesso da 4 anni perché è fervido credente. In alcune scene, lo si becca addirittura a pregare.

La cosa mi ha fatto storcere il naso. Ciò che sta passando non è il concetto di religione, di preghiera, di Dio, no; ciò che passa è la banalizzazione di un atto privato, e soprattutto l’estremizzazione di qualcosa di molto più ampio e moderato. Questo giovanotto ha una vita normale in cui ha amici, studia o lavora, che ne so, farà sport etc etc e invece? Cosa viene citato di lui? la verginità per “mano di Dio”. Qui c’è qualcosa che mi puzza. Staranno cercando di trasformarlo in un “caso mediatico”? E’ proprio questa la fine che farà, come l’hanno fatta i vari taricotti e mille altri di cui manco più ci ricordiamo i nomi. Per carità, non è solo colpa del grande fratello, ma principalmente del ragazzo che va lì a dire certe cose.

Un po’ come Arisa, che dopo aver vinto San Remo ed essere stata presa per il culo da mezza Italia, nessuno più se ne preoccupa perchè un po’ ha stancato.

Se mettessero una telecamera in una chiesa nessuno troverebbe tanto interessante guardare la gente che prega.

Ammesso che il bellimbusto in questione preghi veramente!

il Mottino

Aside

ebbene, il mio italiano è caduto ancora (senza speranza di rialzarsi) su questa parola: credevo fosse italiana, ed invece non lo è. La scoperta è avvenuta verso le 19:00 del 2 novembre 2007, in plaza de Espana a Siviglia, al cospetto della più elevata rappresentanza di popolazione linguista italiana.

Il mottino, da anni utilizzato dal suddetto per rappresentare merendine e brioschine (come si scrive?!), all’improvviso sprofonda sotto il velo di una clamorosa regionalità.

Continua a leggere

piccolo schema per il cubo di rubik

Aside

Pronti per la soluzione? vi vedo già belli, con il vostro cubo in mano, impazienti di cominciare a cubicare! Eppure io sono stronzio e non voglio dirvi la vera soluzione. Anzi, vi dico lo schema da seguire, poi se ci saranno richieste, spiegherò nel dettaglio le mosse da fare, sperando di riuscirci a capire.

Ma iniziamo con un po’ di filosofia. Il metodo che presento è conosciuto in letteratura come “metodo a strati”: in pratica, il cubo è diviso in 3 strati, e noi risolveremo uno strato alla volta. ogni quadratino che compone una faccia può ritrovarsi in una sola posizione, e noi in base ai colori cercheremo di metterli al posto giusto.

Il metodo a strati ha un altro assunto fondamentale: una volta che hai messo a posto un pezzo, cerchi di muoverlo il meno possibile per non scombinare quello che hai fatto fino ad ora. Non è il metodo più efficiente, esiste ad esempio il metodo di Lars-Petrus che è uno scombinio totale ma è velocissimo, tuttavia il metodo a strati è rapido e facile da imparare.

vi ricordo: la mia non è LA soluzione completa, è solo un aiutino per coloro che vogliono provarci. E se vogliono, possono chiedere, commentando questo post, magari posto la soluzione per intero.


Continua a leggere

sciopero del caffè

Aside

Carissimi,

lo so che mi farò qualche inimicizia nel mondo, ma ho deciso di iniziare una singolare forma di sciopero. Io proclamo lo

SCIOPERO DEL CAFFE’

Perchè ne bevo troppo, mi sento sempre stanco, nervoso, mi addormento ovunque, e ora che ci penso non ricordo un giorno che sono stato senza berne almeno 2.

Per una settimana vi racconterò di questa magica esperienza. Fatemi l’in-bocca-al-lupo!!!!

Taxi

Aside

Da qualche tempo vi sarà giunta la voce che io giro in Taxi. La notizia non è sbagliata, anzi: ora che finalmente ho qualche foto carina ve lo voglio mostrare.

taxi nasti

com’è imponente!!

(Alessio è seduto dal lato passeggeri,lo sterzo è dall’altra parte!!)

Ed ora qualche foto per farvi capire come si sta dietro! larghi eh? pensate Vincenzo ed Alessio stendevano addirittura le gambe sui sediolini che stanno davanti…

Vincenzo e Alessio trattati come padroni

Ed eccovi infine una foto da padre-padrone del mio taxi:

si ci sono anche io in qualche foto

Inutile dirvi che la gente che ci vede girare con questo coso muore dalle risate. Qualche volta vediamo bocche aperte e spalancate… Comunque, fa ridere anche a noi… ma è cosi bello. Beh… quasi quasi vado a farmi un giro!

P.s. se volete farvi un giro: non sempre è possibile. Avvisatemi prima. Ultimo vincolo, dovete venire voi da me e poi usciamo: da solo con quel coso non ci esco. ciù is megl che uan!