le quote rosa e l’occasione mancata

Noi italiani abbiamo un problema con ciò che non riusciamo a “conquistare”: piuttosto che risolvere il problema in maniera culturale, inventiamo (o proviamo a inventare) la legge che-non-salva-nè-capra-nè-cavoli.

Posso citare tre esempi, come il divieto di wifi gratis per motivi di sicurezza, che mostrava quanto fosse ignorante il legislatore in materia; il decreto sulle start-up, scritto volutamente con il trattino in mezzo (!), che dovrebbe favorire le imprese innovative senza chiedersi di cosa avessero davvero bisogno (quanto è importante aprire una s.r.l. semplificata, se poi in fase di startup hai tante tasse da pagare?); e il terzo problema dell’italia è venuto fuori di recente, con Renzi, l’Italicum e le quote rosa.

Per gli analfabeti, “quote rosa” vuol dire assicurare per legge un’alternanza uomo-donna in ogni lista elettorale. L’idea c’è pure, e io non avrei nulla in contrario, ma mai come in questo caso ho visto che tutte le parlamentari, di ogni schieramento politico, chiedevano questo emendamento a gran voce. A chi, poi? Agli uomini dei loro partiti? Mi è sembrato un atto di sottomissione, altro che richiesta democratica.

E adesso avrebbero dovuto fare il colpaccio, le nostre care donne. Avrebbero dovuto fondare un partito per le donne. Avrebbero dovuto far cadere il governo, ora, e formare una nuova forza politica che avrebbe lottato per i diritti di parità (perchè io la parità non la vedo ancora). Andati alle urne, avrebbero sicuramente preso non il 50% della popolazione italiana, quello non capita da un certo ventennio del ‘900, ma un ingombrante 30% non glie lo avrebbe tolto nessuno.

Questa sarebbe stata una vera rivoluzione culturale. Un partito pro-donne che chiaramente non è aperto o formato da sole donne, ma che prende tutte le decisioni in quell’ottica. Una forza politica con cui tutti sarebbero dovuti scendere a patti. Certo, bisogna scongiurare l’arrivo di una figura come la Mamma di Futurama… in Italia è facile ottenere l’effetto contrario di tutto, basta una norma, che ce vo?

Rispondi