Vacanza in Trentino Alto Adige , Day 1-2

Dopo un piccolo viaggio di appena 12 ore (siamo in 7, due macchine, e le donne devono andare in bagno…) siamo arriavati in un piacevolissimo paesino in provincia di Bolzano, chiamato Montagna. Stiamo alloggiando presso l’affittacamere Birbamhof, che ci ha messo a disposizione due appartamenti da 4 posti. A 700 metri d’altezza la notte abbiamo bisogno del piumone, ed è un sollievo rispetto al caldo afoso che abbiamo lasciato (a Salerno ci sono 40 gradi).

Sul Trentino ho notato alcune cose. Siamo arrivati di Giovedì, e qui i supermarket sono chiusi, dunque abbiamo pensato di cenare fuori. Sfortunatamente siamo usciti alle 9 di sera (21!) e non abbiamo trovato nessun locale con la cucina aperta. Ne-ssu-no. Abbiamo dovuto mangiare il gelato per saziare la fame…

Dunque il secondo giorno siamo andati a fare una spesa (più di 100 € !) per evitare di morire di fame nei prossimi giorni. Siamo andati a visitare Bolzano, e più precisamente il Museo in cui è custodita la mummia più antica mai ritrovata. Faccio un po’ di spoilering: due alpinisti, nel 1991, camminando a 3000 metri fuori sentiero, vedono un cadavere umano spuntare fuori da una fossa. Sulle prime si pensa ad un alpinista disperso chissà quando, e difatti partono le ricerche per capire chi è, ma dopo i primi giorni è chiaro che ciò che è stato ritrovato appartiene ad almeno più di 100 anni prima. Figuratevi quando hanno capito che apparteneva a 5200 anni fa!

Insieme alla mummia è stato ritrovato un mucchio di cose, grazie al quale si è potuto capire molto di più sulla civiltà dell’epoca. Cosa mangiava, cosa portava con se, come è stato ucciso, come viene conservato, con cosa si vestiva… Per non farvi perdere il piacere della scoperta, spero che andiate a visitarlo. E soprattutto vediate la mummia. Perfettamente conservata. Lì davanti a voi.
Ne vale la pena.

Come vi ho già detto, per noi di Sud è inusuale trovare i locali chiusi dopo le 9. E prendere un caffè senza un bicchiere d’acqua (scordatevelo al Nord). Ma il peggio è che i bicchieri d’acqua te li fanno pagare (1€ oggi). E ho visto la barista vietare il bagno a un bambino se non comprava qualcosa. Questo non è turismo, non ha logica, è semplicemente scortesia. Spero che non siano tutti così.

Per concludere, stasera andiamo a vedere Vinicio Capossela a “i suoni delle Dolomiti”, una manifestazione culturale qui in Trentino. Il concerto inizia alle 6 del mattino, quindi faremo trekking notturno. Dovremmo arrivare a circa 2500 metri d’altezza.

Grandi aspettative per i prossimi giorni. Saluti !

Rispondi