Hangouts vs Whatsapp, la sfida é tutta mobile

In principio fu MSN, chiuso qualche mese fa. In tempi remoti anche Skype fece il botto, con la sua video chiamata alla portata di tutti. Ma a quei tempi il mobile non era nei piani di nessuna azienda e le app sarebbero arrivate da lì a poco.

Con Facebook é iniziata la rivoluzione delle chat. Per la prima volta su un solo sito c’erano, contemporaneamente, chat e fatti degli altri. Ma a causa dei problemi di privacy (che comunque esistono per tutti i programmi di chat) non tutti si sono iscritti, e non tutti ce l’hanno sul proprio telefono.

Il botto, sui telefonini, l’ha fatto Whatsapp: un’applicazione che per anni é stata gratuita e solo da poco é diventata a pagamento, anche se costa pochissimo. Il bello di whatsapp si può riassumere in pochi punti: facile da usare, economico, e migliora il vecchio concetto di messaggio attraverso la possibilità di inviare  tag GPS, immagini e video. E infatti era notizia di qualche giorno fa che Facebook stava per comprarlo.

La strategia più sballata di tutte, nel mondo mobile, l’ha fatta Google. Aveva un protocollo di chat, Google Talk, poi ha lanciato un social network (Google Plus) che usava Talk per le chat, ma aveva lo scomodo problema che chi ti era amico sul social network non diventava subito tuo amico su google talk: bisognava invitarlo.
Inoltre sui cellulari uscì un programma chiamato enigmaticamente Messages, che non si é capito a cosa corrispondesse lato web, e che hanno usato in pochissimi.

Da poco Google ha sostituito queste app con Hangouts, che a prima vista é un clone di whatsapp ma in realtà ha qualcosa in più (e qualcosa in meno). (In verità l’eliminazione di Messages avverrà a breve).

Whatsapp ha pochi limiti ma ce li ha: chi come me ha un cellulare, un tablet e un computer, non può relegare whatsapp ad averlo su un solo dispositivo mobile al massimo. Sui computer non c’è neanche.
In compenso il servizio è facilissimo da usare e i messaggi arrivano istantaneamente.

Hangouts è sicuramente qualcosa di meglio rispetto al passato. Il principale vantaggio é che può essere usato su tutti i dispositivi che ho, compreso i PC e i mac, senza dover creare più account o avere più SIM. Inoltre ha la video chiamata inclusa, e con ogni probabilità non sarà mai a pagamento.
Ha dei difetti di gioventù, ad esempio i messaggi non arrivano subito e non si possono inviare video, contatti e tag GPS.

Questa é quindi una delle sfide tecnologiche del prossimo futuro, che si inserisce in quel “google contro tutti” degli ultimi anni.

E voi, che chat utilizzate?

Un pensiero su “Hangouts vs Whatsapp, la sfida é tutta mobile”

Rispondi