Se il futuro del Paese fosse legato ad Internet

Ogni volta che accendo la televisione sentiamo sempre di fabbriche che chiudono, posti di lavoro che si perdono, proteste, scioperi e manifestazioni. “Il lavoro, il lavoro!” Gridano i manifestanti, GIUSTAMENTE, ma ciò che chiedono ormai appartiene a un’altra epoca.

Il futuro dell’Italia non è nelle automobili. Un settore che richiede continui aiuti statali, in un momento storico in cui una auto costa decisamente troppo, disfarsi della vecchia costa altrettanto e soprattutto chiunque ha già un’auto, non capisco come si possa continuare a riporre tanta fiducia in questo settore. Andava bene 30-40 anni fa, in una Italia post bellica che produceva il bene del futuro. E ora?

La maggiore economia del mondo basa tutto il suo successo sull’altissima tecnologia. Le 4 maggiori compagnie americane, conosciute in tutto il mondo, sono Apple, IBM, Google e Microsoft. Senza i loro servizi probabilmente ora staremmo ancora vivendo di zappe e cavolfiori.

Le aziende americane nascono da subito come multinazionali, e se anche prima offrivano servizi legati all’hardware, oggi sono tutte orientate verso il Web. Internet (frase fatta) ti permette di vendere i tuoi servizi a tutto il mondo, già dal Giorno Zero della messa online… questo l’hanno capito bene tutti quelli che si sono inventati le “nuove professioni”, e paradossalmente non l’hanno capito i nostri padri (sfortuna vuole che ci governino loro).

Ora, noi abbiamo questo enorme gap tecnico con gli Stati Uniti e anzi da soli non potremmo mai competere con loro. Le tasse e la burocrazia schiaccerebbero ogni idea brillante, e poi vuoi metterti contro il vero limite dell’Italia? Ma voi lo sapete qual è il vero limite ? Internet mobile fa schifo! Se io dovessi fare un’app che basa tutto il suo business sull’idea che l’utente è sempre connesso, mi ritroverei a combattere col fatto che in alcune zone d’Italia non c’è manco la rete GSM! Con un segnale che casca non appena entriamo in un edificio. Che soldi voglio ricavarci da una linea così?

Dunque se vogliamo provare a seguire la strada tracciata dai grandi player del mercato, dobbiamo un pò scrollarci di dosso l’idea che lo stato deve aiutare le aziende perchè l’unico aiuto utile è di migliorare le infrastrutture, abbassare le tasse e metterci in condizione di essere competitivi COL MONDO INTERO. You can’t think local anymore.

E ora via per una nuova settimana di lavoro!

3 pensieri su “Se il futuro del Paese fosse legato ad Internet”

  1. Le aziende americane nascono da subito come multinazionali, e se anche
    prima offrivano servizi legati all’hardware, oggi sono tutte orientate
    verso il Web

    .
    Fonte?
    Ciao,
    Emanuele

  2. 1. …Ma perchè Disquis non mi manda più le notifiche dei commenti??? 2. Ovviamente la “fonte” è l’attualità: ho citato 4 aziende nell’articolo, che hanno cercato di trasformare internet come la principale fonte della loro ricchezza, o che offrono servizi per mettere on line il business di altre. Seguendo da un pezzo il settore delle startup, sono ormai 10 anni che non si fa altro che pensare a come fare soldi con internet.

Rispondi