Tophost & Topserver: Le prime cose da fare se si installa ubuntu

Anche tu hai buttato i tuoi anni a configurare apache sul tuo pc?
Anche tu hai perso tempo cercando di far partire tomcat?
Anche tu hai smesso di studiare Ruby perchè nessun hosting economico lo offre?

Tophost pensa proprio a noi e infatti ci offre un ambiente LAMP che semplifica di molto la prima domanda.
Ma se avete un progetto in JSP/Servlet, o se dovete installare qualcosa di più di un semplice sito web… cosa fare? bisogna per forza affidarsi a quei mega siti da 200 € all’anno? Grazie a Tophost, la risposta è NO.

Da poco Tophost ha lanciato TopServer, un server virtuale a “gettone” (con 6 € sta acceso per 30 giorni, ma il bello è che si può spegnere a piacimento!).

Beh io l’ho comprato e ci sto iniziando a smanettare su, anche perchè ho voglia di reimpratichirmi con la linea di comando. Ho quindi creato un Ubuntu 12.04 LTS server.

Appena creato il topServer, provo a connettermi via ssh. Non ho mai usato ssh prima d’ora, quindi PANICO. Beh, il comando da usare è:

ssh NOME_UTENTE@NOME_SERVER

per la cronaca, non sta scritto da  nessuna parte su  tophost, bisogna  accedere con utente root e non con l’utente che viene specificato nell’area utente. Perchè, bo.

Il nome server a me funziona solo se inserisco l’ip, quindi vi consiglio di provare con l’indirizzo IP se non vi parte.

La password da inserire invece la troviamo nel pannello di amministrazione del server (almeno quella!).

Bene… superato il primo scoglio eccoci al secondo. Mica vorremmo usare sempre ROOT per accedere al server?! Così mi sono creato il mio bell’utente per le mie operazioni magiche.

useradd -d /home/testuser -s /bin/bash -m testuser
passwd testuser

Spiegone: con useradd aggiungiuamo il nuovo utente testuser. Con -m gli diciamo di creare subito la sua cartella home, definita con l’opzione -d /home testuser. Subito dopo aver creato l’utente, gli creiamo la password con passwd. 


Perfetto, ora abbiamo anche l’utente testuser, ma dobbiamo dargli il privilegio  di poter usare SUDO. Come fare?

Sempre da root, lanciamo

visudo

andiamo fino alla riga in cui c’è scritto root, premiamo i per poter scrivere e scriviamo alla riga successiva:

testuser ALL=(ALL) ALL

Per salvare e uscire, premete ESC e poi :x (due punti – x) e invio.  Se volete solo salvare, :w e invio. Se volete uscire, :q . Se volete uscire senza salvare, :q! .

Sembra che abbiate fatto tutto. Uscite da ssh e riaccedete, stavolta potete fare l’accesso con testuser direttamente. Se però vedete solo un triste simbolo di dollaro a sinistra, digitate il comando bash e tutto tornerà più fico.

E ora sotto con le installazioni pazze !!!

7 thoughts on “Tophost & Topserver: Le prime cose da fare se si installa ubuntu

  1. E magari disabilitare l’accesso ssh da root (altrimenti non serve a niente avere un utente  per accedere) mettendo “PermitRootLogin No” in sshd_config (e restartaee il demone ssh o rebootare). Poi se a useradd ci aggiungi -s /bin/bash (oppure editi /etc/passwd e ce lo metti lì) ti eviti pure di dover scrivere bash ogni volta. E’ normale che nomeserver è l’ip. Tu hai comprato un vps, non un dominio. Se vuoi accedere con un nome devi comprare anche un dominio (se già non ce l’hai) e mappare su un record l’indirizzo ip del vps (per esempio vps.tuodominio.it IN A tuoip).

  2. Ciao, grazie del commento utilissimo e chiarissimo! Hai praticamente scritto la parte 2 dell’articolo, che non ho fatto io perché non avevo tempo.
    Comunque, appena il server viene creato l’unico modo che avevo per accedere era via ip, adesso che i dns si sono aggiornati riesco ad accedere anche tramite l’indirizzo di quarto livello che mi hanno rilasciato.

  3. Guarda, personalmente è da parecchio tempo che mi son spostato da tophost ad altrove: prima su di un server mio che avevo a casa, poi per i problemi legati alla latenza ed alla banda che la telecom (non) ci offre, ho deciso di spostarmi su OVH.
    Ho attualmente presso di loro un dedicato che mi costa circa 15€/mese con 2gb di ram ed un processore pentium dual core.Le differenze con il servizio di tophost o topserver sono infinite, ma non voglio insistere particolarmente a riguardo: se vuoi vai a vedere il loro sito e fatti un’idea (il mio è attualmente un kimsufi).
    Nel tuo caso, offrono i virtual kimsufi, un nuovo servizio, che in pratica sono delle virtual machines simili a quelle offerte da tophost, con la differenza che il loro supporto funziona davvero (e non ti prende in giro come mi è capitato su tophost) e puoi perderti tra i mille milioni di servizi da loro offerti.
    Se vuoi darvi un’occhiata, trovi tutte le informazioni necessarie su http://www.kimsufi.it/vks/index.xml :)

  4. Ciao BigAlex, era da tempo che non avevo tue notizie!
    Nel caso dei virtual server tophost fornisce assistenza solo per 1. la creazione della macchina virtuale 2. la connessione alla rete. Per il resto tutta la configurazione e il supporto te lo devi fare da te… Questa scelta li scarica di parecchie responsabilità, ma offre comunque un ambiente economico per gli esperimenti. Se ne avessi l’esigenza passerei pure io a un servizio “migliore”, anche se bisogna poi chiarire cosa vuol dire migliore.. Per ora sto bene così, anzi finalmente posso fare esperimenti senza inzozzare il mio pc in locale. 
    Saluti! 

  5. Ciao! Ho creato il nuovo utente, gli ho dato accesso al terminale, ha tutti i permessi di ‘root’, ecc.. Però il problema è che i file “di sistema” sono tutti attualmente di proprietà di root (e non hanno nemmeno i permessi di scrittura per il gruppo ‘root’, ma solo per l’utente ‘root’)! Come faccio a “trasferirli” al nuovo utente senza sballare i CHMOD (ma solo la proprietà dei file)? Altrimenti se disabilito ‘root’ non potrò modificare quei file..

    Ciao! :)

  6. ciao io vorrei connettermi via ssh: ssh NOME_UTENTE@NOME_SERVER
    ma nel terminale non mi compare la @ quindi non posso digitare questo carattere, di conseguenza non posso fare nulla. chi mi può aiutare?

  7. Hai provato con un altro client? su windows ‘è putty, su linux in genere è già integrato, così come su mac…

Leave a Reply