Il centro direzionale di Napoli

image

Il centro direzionale di Napoli è il luogo in cui sto lavorando da qualche settimana.
Spesso criticato per essere un ammasso di cemento in una città storica, rivela piuttosto la sua modernità e capacità di incastrare, nello stesso chilometro quadrato, gli uffici delle aziende più famose (e meno famose, ma che generano fatturato).
È un insieme di una ventina di grattacieli circa, in un’area completamente pedonale e pensata per questo unico scopo: ospitare la crême degli impiegati e dei manager del Sud Italia.
Ci sono un migliaio di bar per soddisfare la voglia di caffeina, altri negozi che vendono di tutto (tranne i telefonini e i computer, pare) e ristoranti aperti a pranzo perché la fame alle 13 arriva implacabile.
Vi dicevo di questa aria di modernità che chi ha realizzato gli spazi ha voluto infondere, cosa che è riuscita appieno visto che tutti se ne lamentano.. forse avrebbero preferito lavorare nei palazzoni vecchi e grigi dei tempi belli di una volta!
L’opera di ammodernamento ha però prodotto qualche piccolo difetto: quelle mattonelle beige e grigie danno un senso di stantio, e poi ci sono i soliti buchi a terra (e non ho capito come sia possibile, visto che non ci passano auto da qui) che nessuno ripara.
Insomma, se la voglia era quella di fornire alla città uno spazio pensato per lavorare, l’esperimento è riuscito. Ma ora dà quel senso di immobile e fermo, come se fosse stato abbandonato. La City di Londra o Ground Zero di New York assolvono la stessa funzione, ma di sicuro sono mantenuti meglio!

4 thoughts on “Il centro direzionale di Napoli

  1. Non l’ho capita la tua risposta, ma gli squallor sono sempre ben accetti su questo blog!

  2. Anche io ho lavorato per mesi al CDN e devo ammettere che hai proprio ragione.Si tratta di un posto assolutamente di elitè ma è mal tenuto e dovrebbe essere migliorato dalle amministrazioni locali.
    Malgrado ciò le persone che ci lavorano sono superiori alla media,io però sono stata sfortunata e sono dovuta andare via non per i ‘buchi a terra’ del CDN ma perchè il mio lavoro non mi gratificava.
    Ogni giorno ciò che avevo fatto precedentemente veniva messo in discussione  e in seguito modificato.
    Sono sicura che per te le cose siano diverse come si evince dal tuo post.

    Tanti saluti Tina

  3. In tutte le aziende il proprio lavoro viene messo in discussione giorno dopo giorno, compresa la mia… Per me non è un problema, perché lavoro in un team e di conseguenza ho molti vincoli su quel che compilo. Di sicuro il lavoro lascia poco spazio all’immaginazione e non c’è spazio per la creatività, ma è normale quando si lavora in ambito enterprise…

Leave a Reply