iPN in visita agli uffici di Mangatar

Qualche giorno fa ho visitato la sede di Mangatar, startup campana che ha prodotto il primo motore di avatar in puro html5. Alcuni di loro sono stati miei colleghi all’università e hanno fondato questa azienda; io mi sono da poco laureato e sono così andato a chiedere qualche consiglio sul cazzeggio post-lauream. Ovviamente me ne hanno dati tanti… bravi cazzeggiatori! 🙂

Enrico ha una tastiera piccola e un monitor grande. Qualcuno si è chiesto se avesse senso l'inverso
"sembra" che stiano lavorando...

 

Raffaele è il noto divulgatore di Mangatar, la faccia bella che fa le interviste con tutti. Io, invece, sono io
"ragazzi fate finta di lavorare che vi scatto una foto seria..."
Sarà questo il prossimo passo di Mangatar? distribuire miele avariato alle API di Facebook?
Una stampante 3d nel computer di Enrico. Produrremo mangatar 3d in futuro?
Il double monitor di Raffaele, sviluppato in verticale, mostra il cuore di Mangatar. Schermi neri per gli IDE (che secondo loro migliorano la leggibilità) e funzioni non documentate di Mangatar sono il futuro di questa azienda. Di cosa si tratta?

(quest’ultima immagine è in verticale sulla macchina fotografica e sull’hard disk, solo wordpress la mostra in orizzontale e non riesco a raddrizzarla! Maledetto bug.)

Ve lo posso dire, i mangatariani stanno implementando le funzionalità di gaming e io sono il primo a volerla provare: i videogiochi on line permettono di perdere così tanto tempo e io ne ho tantissimo da perdere!

Che dire… collegatevi a Mangatar, createvi l’avatar, e attenti che a breve sarà possibile farli picchiare con i mangatar dei vostri amici!

Rispondi