Dove ho scattato quella foto? Guida alle fotocamere col GPS

Da qualche tempo pensavo di regalarmi una macchina fotografica nuova, magari una col GPS. Perché? Perché sono spesso in giro per montagne, città nuove, viaggi incredibili etc. e molto spesso accade di dimenticare qual è stato il luogo esatto in cui una foto è stata scattata. Per fare un esempio, Google Picasa già permette di vedere e organizzare le proprie foto anche in un contesto spaziale, quindi se la vostra macchinetta ha il GPS integrato (il mio Blackberry Storm2 lo fa, ma anche l’iPhone credo) vedrete in questo programma il luogo esatto della foto.

E allora diamo uno sguardo alle macchine digitali che si trovano più facilmente con Google. Spesso i siti omettono i prezzi o altre informazioni interessanti. Linkerò tutte le info più importanti, ma per chi legge quest’articolo bisogna tenere a mente che il mercato evolve velocemente, e tra sei mesi quest’articolo sarà inesorabilmente VECCHIO. Dunque, se avete osservazioni, fatele nei commenti. Ovviamente, hanno tutte il GPS.

Iniziamo con la Nikon P6000. Dal negozio in cui l’ho linkata costa 341 €. Esteticamente un pò brutta, 13 Mpix, Zoom 4x, possibilità di collegare flash esterni.Ha addirittura la scheda di rete LAN per inviare le foto on line.

La Samsung ST1000 la trovate a 169 €. Il prezzo è davvero competitivo, quindi guardiamo le altre caratteristiche: ha il wi-fi, il bluetooth, video HD, display touch.

Passiamo alla Panasonic DMC-TZ10. Il prezzo più basso trovato in rete è di 259 €, ha un sensore di 12,1 MPix, uno zoom ottico di 12X e la possibilità di creare filmati HD.

Uno sguardo alla Leica V-Lux 20, solo per dire che è la gemella della Panasonic DMC-TZ10. E’ la stessa macchina, cambia solo il logo. I dettagli sono su dPhoto.

In casa Sony abbiamo una pronta risposta con la Sony HX5, a 239,90 €. In dettaglio abbiamo 10 Mpix, zoom 10X, e oltre al GPS c’è anche la bussola, per non sapere solo il luogo dello scatto ma anche l’orientamento. Ci accontentavamo del GPS 🙂

Canon: non pervenuta. Non sembrano esserci macchine compatte con GPS integrato.

Di sotto troverete le foto delle varie macchine fotografiche. Un saluto e buone foto!

[pe2-gallery album=”aHR0cDovL3BpY2FzYXdlYi5nb29nbGUuY29tL2RhdGEvZmVlZC9iYXNlL3VzZXIvbWljaGVsZS5uYXN0aS9hbGJ1bWlkLzU1NTYwOTM3NTY5NDY5MjI1OTM/YWx0PXJzcyZhbXA7aGw9ZW5fVVMma2luZD1waG90bw==”]

Natale sottotono

Sarà che sono stato concentrato sullo studio e lo sono ancora, sarà che questo è il primo anno senza scout e quindi mi sono perso tutta la preparazione al Natale che di solito facevamo a Dicembre, ma questo natale, dal punto di vista squisitamente natalizio, è sottotono. E’ bello avere un periodo di vacanza, ben sapendo che devo studiare, ed è anche bello riavere gli amici di nuovo vicini, quelli che sono fuori e che ogni tanto tornano. E’ bello stare con chi si ama e stare con la famiglia. Questo Natale tuttavia mi sento un po’ in colpa, non verso altre persone ma verso me stesso, perchè penso alle occasioni sprecate, al futuro tanto desiderato, insomma come in tutti i finali c’è sempre un momento di riflessione.

Tra le tante cose, anche il destino del Particolare Nascosto è in discesa. Per questo, o pensavo di vendermi tutto il sito (per chi fosse interessato, scrivete nei commenti) oppure pensavo di “assumere” gratuitamente qualche volenteroso collaboratore. Se ci fosse qualcuno che scrivesse fisso 1-2 volte al mese, mi farebbe davvero piacere. Io non riesco più ad avere il tempo di prima, e anche se la passione rimane, sono totalmente assorbito dai miei impegni che quando ho tempo libero non voglio stare al pc (e neanche stare su facebook). Quindi ci sono queste due strade, o si prova la prima, o la seconda… spero che qualcuno raccolga la palla… altrimenti il sito fa pluff! affogherà in Internet senza troppi ripensamenti.

Un carissimo saluto, buon Natale a tutti, e se non ci risentiamo qui sopra, buon 2011!

Monte Cerreto con il CAI di CAVA

Una brevissima descrizione: si parte dal Valico di Chiunzi e si arriva in cima al Monte Cerreto; la passeggiata dura 3,5 ore in salita e 2,5 ore in discesa. Il percorso è di 3,9 km. il dislivello totale è di 600 mt, anche se 300 mt di dislivello si fanno solo alla fine.

Il CAI reputa normalmente questa passeggiata di difficoltà “E”, anche se secondo me è un po’ più difficile di quanto si pensi.

il sentiero è così fatto: per due – tre orette si cammina normalmente ed è anche facile, poi si arriva allo “Scalandrone” che è un pezzo di parete di pochissimi metri d’altezza da scalare con l’aiuto delle mani. Infine, ci sono circa 300 metri dislivello”puri” in cui si sale con una pendenza del 70%.

Il panorama durante il  percorso non  è straordinario ma quando si arriva in cima si vede il golfo di Napoli col Vesuvio da ben 1300 mt d’altezza.

Insomma, una vetta impegnativa da scalare solo con quando si è abbastanza motivati.  L’esperienza non è indispensabile!

Ecco alcune foto del percorso:

[pe2-gallery album=”aHR0cDovL3BpY2FzYXdlYi5nb29nbGUuY29tL2RhdGEvZmVlZC9iYXNlL3VzZXIvbWljaGVsZS5uYXN0aS9hbGJ1bWlkLzU1NTAxMDkzMTkwMzU2ODQwNDk/YWx0PXJzcyZhbXA7aGw9ZW5fVVMma2luZD1waG90bw==”]

per il tracciato gps e altri fronzoli basta chiedere 🙂

P.s. Siete scout? volete organizzare una route in costiera amalfitana? se ne pò parlà! Chiedete nei commenti!

Che grande telecronista quel Carlo Alvino

Ma voi che ne pensate di Carlo Alvino, il telecronista del Napoli su Sky? Per me è uno di quei telecronisti che ti fanno davvero godere lo spettacolo del tifo … L’anno scorso invidiavo quello di Mediaset, ma ora che c’è Carlo Alvino a commentare la partita, mi sento davvero sugli spalti del San Paolo! E voi che ne pensate di cotanto telecronista? Non è molto meglio rispetto a quelli aridi che raccontano la partita senza sentimenti?
Ma soprattutto non è meglio tifare Napoli rispetto ad altre squadrette di serie A? 🙂 un saluto disinteressato mentre ricomincia il secondo tempo!
[ad]

Auto elettrica a energia solare: un’idea

Ecco a voi un’idea (e si tratta solo di una squallida e semplice idea) su come aiutare la natura, risparmiare soldi, migliorare i trasporti e via di seguito.

Immaginate che un bel giorno venga presentata sul mercato la prima automobile a energia solare: c’è già direte voi, è chiaro che c’è già, il problema è che non se ne vedono per strada 🙂 Perchè sono così rare? Il problema sembra risiedere nel fatto che i pannelli solari non sono molto efficienti, infatti la macchina avrebbe un’autonomia molto limitata e, pur caricando le batterie, poi non riuscirebbe a camminare più di 4-5 ore consecutive a bassa velocità.

Dunque se sto in macchina di sera, oppure di giorno quando è nuvoloso, che succede se finisco l’autonomia? E’ qui che entra in gioco …

il batteraio

Se finisco la benzina nella mia comune automobile a benzina, mi fermo da un benzinaio e faccio il pieno no? Bene, se invece la mia nuova & fiammante automobile a energia solare dovesse raggiungere una carica minima della batteria elettrica, ad esempio di notte, mi potrei fermare presso un “distributore di batterie”, dove un diligente signor Batteraio mi sostituirà la batteria dell’automobile in men che non si dica, diciamo con un sistema brevettabile per permettere il cambio in meno di 30 secondi. La spesa sarà bassa, tipo 1 o 2 € per il cambio. Le batterie vecchie verranno messe a ricaricare dal sig. batteraio, mentre io potrò andare in giro con una batteria piena piena. Alla faccia del sole 🙂

Valutazioni

Il batteraio entrerebbe in concorrenza con il benzinaio, ma creerebbe comunque dei posti di lavoro. Se lo stato finanziasse un progetto del genere, l’automobile col pannello solare, oltre che ad essere esteticamente simpatica, sarebbe anche un successo commerciale: venduta ad un prezzo più basso, fornirà anche prestazioni peggiori ma rispetterà l’ambiente etc etc etc.

I problemi, anzi gli ostacoli, sono per il momento due: il primo riguarda la capacità delle batterie, perchè per avere grande autonomia bisogna avere batterie molto grandi e ingombranti; il secondo riguarda la generazione della corrente elettrica per ricaricarle, perchè in qualche modo bisognerà pur produrre la corrente in questione… se si usasse il petrolio, si perderebbero tutti i vantaggi! bisogna vedere se effettivamente conviene.

Optional

Si può installare una simpatica pala eolica sul tettuccio per guadagnare anche energia eolica in quelle situazioni, ad esempio di notte, in cui non c’è luce ma tira vento 🙂

E voi cosa ne pensate? avete già acquistato il terreno per fare i batterai, vero? Ora vi lascio, vado a prendermi la mia nuova auto-con-pannello-solare … ciao!