Wind all inclusive, appena nata già vecchia

ATTENZIONE. Questo articolo è diventato vecchio perchè la Wind ha nel frattempo proposto una nuova offerta con lo stesso nome; probabilmente stai cercando quella, che è di gran lunga più conveniente di quella descritta in quest’articolo. Tra l’altro, ora io ho la all inclusive smart. Chissà se le parole di questo blog sono giunte all’orecchio di chi compila le tariffe…!

Forse dovrei ricordarmi che, in epoca di Decreto Bersani, quando furono aboliti i costi di ricarica, la mia tariffa cambiò (ovviamente in maniera svantaggiosa per me). Non ricordo perchè già all’epoca non cambiai compagnia, o perchè in fondo sono tutte uguali o perchè ero impegnato in altro e lasciai perdere. Però lo accusai come un “tradimento”. Così scrivo più incacchiato.

Il fatto è che di questi giorni la wind sta promuovendo la tariffa “Wind All Inclusive”, che con 30 € al mese ci da:

  • 700 minuti di telefonate a bimestre verso tutti i telefoni e telefonini d’Italia
  • 200 SMS a bimestre verso tutti i telefonini d’Italia
  • 2 GB a bimestre per navigare in Internet dall’ Italia

Fonte: Wind – Privati – All Inclusive.

Non notate nulla di strano? Il pagamento è mensile, i bonus sono bimestrali.

traduciamo questi numeri al mese:

  • 350 minuti di telefonate al mese verso tutti
  • 100 sms al mese verso tutti
  • 1 GB al mese per navigare in internet

Vista così, la tariffa non è più così interessante: vi faccio 2 conti “a mano”.

  • con Noi Italy abbiamo: 240 minuti al mese per chiamare fissi e wind. Restano esclusi tim e vodafone.Prezzo: 8€ al mese
  • con Noi Wind Sms abbiamo 4000 sms al mese per inviare sms verso wind. Restano esclusi Tim, vodafone e 3. Prezzo: 2 € al mese
  • con Mega 1500 abbiamo 450 mb al mese per 8 €.

8 + 2 + 8 = 18 € al mese. quasi la metà!

[ad]

vantaggi e svantaggi

Se da un lato, con la All inclusive abbiamo a disposizione minuti e messaggi verso chiunque, la verità è che 350 minuti al mese sono pochini, per giustificare una tariffa col prezzo così alto, e anche 100 messaggi al mese sono veramente pochi, per chi è abituato a mandarne molti.

Se abbiamo tanti amici wind, com’è il mio caso, e chiamiamo i numeri non-wind con bassa frequenza, la cosa migliore è attivarsi le promozioni wind-dedicated e “magari” farsi qualche altra scheda parallela per chiamare gli altri gestori, oppure attivare un piano tariffario che sia comodo (io ad esempio preferisco i piani “al secondo”, così ho il tempo di chiedere un fisso sul quale chiamare e poi chiamare lì).

Il fronte internet invece è migliorabile. Noto con dispiacere che, più passa il tempo, più la wind adegua le sue offerte verso l’alto. Dal punto di vista “all inclusive” 1 gb non è tantissimo, ma permette di controllare la posta e navigare “il giusto” su internet, e se non si scarica da emule o si ha la fissa per youtube, ce ne vuole per finirli. Invece, i 450 mb della promozione mega 1500 sono più facilmente esauribili, a seconda di quanto uno ci lavori con internet. Per come sono strutturate queste offerte, insomma, internet sul cellulare non può sostituire la classica adsl di casa, anzi ne deve essere solo un estensione mobile, per facilitare il lavoro fuori casa / fuori ufficio.

Ah, dimenticavo: con l’opzione all inclusive c’è anche un telefonino-paccotto, uno di quelli scarni, easy easy.

E se finisci i minuti, cosa altamente probabile per chiunque usi il telefono per *chiamare*, il costo è di soli 18 centesimi al minuto! ammazza che convenienza. Tanto fumo per nulla.

uno sguardo alla concorrenza

La 3 offre, con i soliti 30€ al mese, 400 minuti verso tutti, anche internazionali, 200 sms, e 4 gb di dati internet. Mettici 99 € in più (quota fissa, da pagare solo una volta) e ti porti a casa l’iphone. Le quote sono settimanali (ossia 100 minuti, 50 sms, e 1 gb a settimana). Si può migliorare!

Già la 3 power abbonamento offre 800 minuti, 400 sms, 10 gb di internet.

la vodafone fa un’offerta da studiare per bene per chi chiama spesso questi numeri, tra l’altro anche per i clienti ricaricabile, ossia con 1€ a settimana hai 1000 minuti di chiamate, 1000 minuti di videochiamate, 100 sms e 100 mms, solo ed esclusivamente verso vodafone, pagando solo il primo minuto di ogni chiamata e il primo sms del giorno ma sfortunatamente non c’è nulla per quanto riguarda internet (ossia ci sono, ma scadono il 29 novembre, e poi? Un mio amico ha un’opzione che paga 2€ a settimana per avere internet illimitato…). Per chi fa telefonate brevi è un salasso. Chiamare fuori vodafone costa l’ira di dio, manco a dirlo: 19 centesimi al minuto, scatto alla risposta di 19 cent. Ma perchè non lo aboliscono?

e ricaricabile?

purtroppo, le manne dal cielo scendono solo per chi già ce li ha, i soldi da spendere. Non esiste ancora la vera offerta killer che è davvero conveniente per noi e per il gestore. Se c’è,  segnalatela nei commenti.. non si tratta di telefonare, nè di mandare messaggini, nè di navigare in internet: si tratta di comunicare. A qualsiasi livello di businness, comunicare è fondamentale per avere successo. Non lo pensate anche voi? Se soltanto costasse di meno…

Microsoft assume Felipe e compra Pollycoke per assicurarsi il silenzio

Con un’implosione che nessuno s’aspettava, Pollycoke chiude. Per anni Pollycoke è stato un innovatore, un futurista, un avanguardista del mondo linux e open source. Ha ispirtato il sottoscritto (sia ad installare linux, sia a valorizzare il blog) e certe volte ha scritto pure cose poco simpatiche, alle quali ho risposto per le rime… ma chi è che poi non fa pace con le persone quando ci si dice le cose in faccia, così bene o male ronzavo ancora lì intorno. In fondo commentare “sempre e comunque” non è mai stata la mia passione e penso che mi troverete solo nei post in cui Felipe era “nicchia”.

Tolto questo, le malelingue già affermano che dietro l’operazione c’è Microsoft, che vuole assicurarsi il silenzio di uno dei suoi più grandi avversori, colui che ha portato le quote linux dallo 0,001 % allo 0, 0015%, facendo sudare freddo la casa di Redmond. Felipe, nell’ultima intervista, vuol rilasciare il suo blog con una licenza aperta, ma i soliti ben informati dicono che è solo pubblicità, non avverrà nulla in questo senso. (ATTENZIONE – AGGIORNAMENTO: Felipe è stato obbligato dall’Unione Europea a pubblicare il blog in GPL, o a pagare una multa di 15 mele. Non essendo tirolese ha preferito il GPL, il metano è ancora poco diffuso).

La verità è che secondo me su Pollycoke mancavano da tempo le ragioni del suo successo: quelle belle guide visionarie per attivare opzioni innovative. Pollycoke ERA compiz, che 4-5 anni fa era una caratteristica eccezionale per tutti gli stufi di windows. Poi ha pubblicato 2-3 guide che da sole valevano il 50% delle sue visite (la guida per snellire ubuntu, per installare caratteri, per migliorare la grafica…).

Senza tradire le sue origini non informatiche, FeliPolly ha posto l’accento principalmente sulla BELLEZZA, una caratteristica di un sistema operativo fin’ora sotto-considerato ma che poi si rivela la carta vincente delle interfacce grafiche. Immediatamente dopo, un’altro argomento-chiave di Felipe è l’USABILITA‘, ossia quella caratteristica di un sistema di essere utilizzato facilmente anche da utenti molto diversi. Anche a mio modesto parere, il mondo dei sistemi operativi va in questa direzione; senza rivoluzioni tecniche grandiose di cui gli utenti normali manco si accorgeranno, la chiave del successo futuro saranno bellezza e usabilità.

E dopo questo elogio semi-funebre gli lascio un abbraccio. Hasta Luego!

work in progress

Ciao schegge,
in questo periodo sto lavorando duro al sito della Giornata Europea delle Lingue e sto anche dando una mano alla realizzazione della manifestazione, prevista per il 28 settembre 2009. E’ un work in progress in frenetica crescita. Spero di liberarmi a breve!